Chelsea Flower Show 2017

Chelsea Flower Show 2017

26 maggio 2017

Chelsea Flower Show 2017, la mia prima volta

La mia prima volta al RHS Chelsea Flower Show non la dimenticherò di certo. In un clima estivo e molto caldo per la capitale inglese ho celebrato il mio battesimo nella capitale dell’impero dello Show Garden.

L’organizzazione del Chelsea è perfetta, la segreteria e la logistica sono veramente impeccabili.

I giardini del Chelsea sono monumentali e complessi, culturalmente elevati e delle volte incomprensibili.

Qui non parlo di premi e di premiati, per quello ci sono le riviste di Laboratorio Verde. Qui parlo di quello che mi è piaciuto e dell’idea di Chelsea che mi sono fatto.

Il mio giardino preferito è Mind Trap di Ian Price  giardino come rappresentazione della depressione di Ian e di come lui una persona ogni quattro. Lo scopo del giardino è terapeutico, catartico. Mind Trap mi piace anche perché è ben realizzato, le piante sono belle e di buona qualità. Non ci sono grandi virtuosismi se non la bella fontana che richiama il ciclo della mente.

Il premio Best Show Garden è quello che Seedlip ha commissionato alla ottima Catherine MacDonald. Seedlip è un distillato di erbe analcolico. Il distillato così come la grafica che accompagna questo prodotto sono ottimi. Anche il giardino è bello e dai colori caldi del rame e delle erbe che maturano per sei settimane per arrivare a dare quel gusto speziato e gradevole a Seedlip.

La pianta dell’anno 2017 decretata quest’anno è il Morus rotunbiloba Charlotte Russe di cui ho già parlato in questo sito e a cui stanno maturando i frutti proprio in questo momento qui sul mio balcone!

Ovviamente la Clematis ‘Taiga’ classificata quarta fa parte del racconto del Chelsea di quest’anno. La mia prima Clematis che vince al Chelsea. Una grande emozione per me!

Tutto resta nella mia memoria soprattutto le persone conosciute e incontrate!