ORTICOLARIO 2017

ORTICOLARIO 2017

16 ottobre 2017

Tags:

ORTICOLARIO 2017

1 Di cosa stiamo parlando. Come definire Orticolario non è semplice. L’espressione a me cara è festa, ma al presidente Mantero mi sa che non piace molto. Questo mio primo anno dedicato ad Orticolario mi ha riempito le giornate e anche le notti, lasciandomi spesso spiazzato dalla bravura delle persone che lavorano per Orticolario tutto l’anno. Ho iniziato questa nuova avventira con Daniela e sono certo che ne vedremo delle belle! Per sapere tutto su Orticolario il modo migliore è leggere QUI!

2 Bambini. Uno degli aspetti più belli di Orticolario sono i laboratori per i bambini. In tantissimi , circa 800 bambini, hanno visitato Orticolario approfittando dei numerosi incontri e spettacoli a loro dedicati. Orticolario nasce per sostenere chi fa del bene e tra i beneficiari ci sono molte associazioni del territorio che sostengono anche i giovani. Che Orticolario possa essere sempre più per i bambini, per il loro futuro, per educarli al bello e alla gentilezza delle piante.

3 Gilles Clément anche solo stargli accanto ti fa capire quanta storia ci sia sulla sua pelle e nei suoi occhi. Una bella visione libera e senza freni che molto mi ha fatto riflettere e che mi ha fatto sentire bene. Consiglio di scaricare il file allegato e di leggere l’inserto che “L’ordine” ha voltuto dedicare a Gilles.

4 Arte. Due instalazioni artistiche nel parco e due mostre nei sotterranei di Villa Erba, oltre a installazioni nel parco e Oasi di Relax hanno animato questa edizione di Orticolario. Arte e natura, artisti e giardinieri, un binomio sempre più presente in Orticolario. Un binomio nato per esprimere al meglio l’arte in giardino per uscire dai classici confini del giardino per raggiungere la sensibilità dei numerosi visitatori e amanti di Orticolario. Una cifra, quella artistica, che ha dato forma e sostanza anche alle notti di Orticolario che in questa edizione hanno permesso a numerosi visitatori e a tanti amici espositori di godere al massimo della villa e del suo parco.

5 Piante notturne quali sono le piante che si animano di notte? Quante sono le piante che si sono evolute e ingegnate per diventare Natura sensitiva. Una dimensione notturna quella della Brugmansia, della Datura stramonium così come quella delle Ipomoea alba che hanno mostrato una natura diversa. Molta era la mia preoccupazione per l’impianto “fiorito” di Orticolario 2017. Con le Fuchsia, i Coleus nelle aiuole principali così come le numerose piante notturne che con l’estate 2017 hanno dovuto fare i conti per arrivare al meglio ad Orticolario. Ma anche questo è giardinaggio evoluto, mostrare piante per quello che sono: organismi viventi che hanno bisogno di un giardiniere che le curi.

6 Fuchsie da passeggio  La prima collezione di Orticolario. Una selezione di Fuchsia rustiche e di Fuchsie ornamentali coltivate per poter essere mostrate al meglio. Una sfida pienamente superata per portare a conoscenza del grande pubblico di una pianta antica e bella, moderna nella forma e ricca di storia.

7 Lario. Una storia dedicata ai Giardamanti e al Lago di Como. La storia di una tradizione e di una passione che coinvolge milioni di persone ogni anno. Visitare il Lago di Como per me è ancora una scoperta. La bellezza delle montagne che si immergono nelle acuqe del Lario mi ha sempre richiamato la forza e la bellezza della natura. Lario è il classico sbruffone, bello e giocoso comasco.

8 Luna. Che la luna sia stata scelta come tema di questa edizione di Orticolario mi ha sempre colpito. Una scelta audace, diversa che ha spinto a sondare aspetti del giardino e di Villa Erba fino ad ora poco conosciuti. La luna ha indicato la strada da percorrere per rendere Orticolario 2017 un grande Luna-Park. Grazie al lavoro di molte persone nel padiglione centrale è nato un vero omaggio alla luna in giardino.

9 Api. Insetti utili e gentili. Grandi lavoratirci le api, precise e devote. Grandi artigiane, combattenti e fiere del loro compito, impollinare e produrre. Orticolario 2017 ha celebrato questo insetto e l’amore tra l’uomo e le Api. Una storia appassionata destinata a durare nel tempo.