SULCOREBUTIA RAUSCHII

PASSIONE PER LE GRASSE

1 maggio 2016

PASSIONE PER LE GRASSE: la sfida della SULCOREBUTIA RASCHII
A PASSION FOR SUCCULENT PLANTS: the SULCOREBUTIA RASCHII’s challenge

Questa piccola pianta è una sfida per me. Una personale sfida.
This tiny plant is a true challenge for me. A personal one.

L’ho scelta perché è un cactus senza spine. Fiorisce e ha bisogno di tanta, tantissima luce e caldo. Una sfida per me e per la mia casa varesina.
I chose it because it’s a thornless cactus. It blossoms and needs lots of light and warmth. That’s a challenge for someone like me living in the Varese area.

Le misure poi sono da sfida: le SULCO sono piante piccole di pochi centimetri piene di millimetrici tubercoli che segnano il passo ed il tempo che passa. Anche il fiore di pochi centimetri è una sfida, e io devo riuscire a farla fiorire.

This plant measures few centimeters in diameter, is made of millimetric tubercles that mark the passing of time.
The small flower too is a challenge and I have to see it blossom.

La chiave del successo mi dicono essere il terriccio che deve essere molto permeabile, areato e minerale. Stiamo parlando di sabbia e sassi. Ne ho tre piante, una di queste è innestata. Le si innesta proprio per limitare il rischio di marciumi radicali. Allora si sceglie una altra pianta più resistente, la si capitozza e ci si innesta sopra una SULCO che con il tempo (ANNI!) forma delle nuove comunità di fusti. Tutti pelati e rossastri. Il bello della sfida però è che per farla fiorire ha bisogno del freddo ma sempre tanta luce. A casa mia, con qualche rimostranza di mia moglie, le SULCO si trovano in cima al frigorifero, sotto il lucernario della cucina. Avrà fatto abbastanza freddo questo inverno? Per il momento sta generando nuovi germogli ma di fiori neanche l’ombra.

The ground, they say, is supposed to be the key for success: it has to be permeable, airy, rich in minerals. We are mainly talking about sand or gravel. I own three Sulcorebias, one of them is grafted. Grafting them is a way to make sure roots won’t rotten. You should choose a more resistant plant that you behead, and on it you graft your Sulcorebutia. In time, years, it will form new sprouts of trunks. They look boldish and red. The good part of this challenge though is that to make it blossom it needs cold, but at the same time light. In my house, with some complaint from my wife, Sulcos are well placed on top of the fridge, under the skylight of the kitchen. Was this winter cold enough to make them blossom? Right now new sprouts are coming up, but there’s no sign of flowers.

Cactusmania questa è una sfida anche per voi! Cactusmaniacs this is going to be a challenge for you too!