ECHEVERIA

ECHEVERIA

13 febbraio 2020

Tags: /

Echeveria la pianta grassa senza spine per eccellenza!

Una delle passioni nate dalla collaborazione con Cactusmania di Ventimiglia. Un’azienda che produce piante grasse a Ventimiglia con la quale collaboro da anni. Ultimamente sto animando con loro un progetto divertentissimo la CactuSchool, una scuola sulle cura delle piante grasse per appassionati e amanti di queste piante grasse!

Parto dalle Echeveria, una specie appartenente alla famiglia delle Crassulaceae caratterizzate da una rosetta di foglie basali. Le infiorescenze nascono all’ascella delle foglie mature in estate e portano fiori rosa, gialli o bicolore.

Fiore di Echeveria pulvinata

Non hanno particolari esigenze per la coltivazione: possono essere messe in esterno nelle zone calde e in estate, anche in pieno sole. Le Echeveria sono da bagnare regolarmente nel periodo estivo, hanno bisogno di terreni molto drenanti. La maggior parte delle Echeveria sono molto resistenti alle temperature vicine allo zero. Se ritirate in casa in inverno hanno bisogno di qualche annaffiatura. Metterle sempre vicino alla luce! Esistono molte varietà con colori e forme di foglia diverse.

Echeveria Lovely Rose

L’Echeveria Lovely Rose è unica perché la rosetta delle foglie sembra un bocciolo di rosa.

Ci sono varietà a foglia mostruosa come la Echeveria caruncolata e la E. culibra, oppure varietà molto colorate come la Echeveria compton carousel e la E. romeo rubin. Le Echeveria si colorano a secondo delle stagioni. In primavera i colori dell’Echeveria Brown Rose iniziano a maturare e passano dal un verde rosato a un rosso sempre più intenso. Lo stesso accade per la bellissima Echeveria Neon Breackers che aumenta la sua colorazione sia con il freddo che con l’intensità luminosa.

Echeveria Brown Rose

Echeveria Neon Breakers

Echeveria Devotion_11

Echeveria Devotion è speciale per il colore caldo delle foglie. Il rosso bordeaux dei bordi delle foglie verdi si vede soprattutto in autunno, in inverno e in primavera. Le foglie sono irsute e sono morbide e vellutate. Questa pianta grassa succulenta è protagonista sia che sia tenuta in casa che in giardino. Devotion ha una splendida forma rotonda e rimane compatta fino a circa 15 cm. Facile da coltivare e richiede poca acqua. Resistente all’inverno fino a -10º C, teme più l’umido che il freddo. Perfetta in vaso per abbellire balconi o terrazzi così come in giardino anche in quelli rocciosi.

L’Echeveria compton carousel la sta riproducendo la signora Neris Manera in questi giorni. I colori ipnotici di questa varietà bicolore la rendono un vero e proprio gioiello della natura!

Echeveria compton carousel

Si consiglia di rinvasare le piante in primavera quando il vaso è diventato troppo piccolo oppure quando la pianta ha assunto una forma sgraziata.

Le composizioni di piante grasse sono tutte belle ma quelle con le Echeveria hanno un gusto, uno stile diverso! Molto importante l’uso dei colori così come la scelta dei contenitori.

 

Le talee di Echeveria, così come raccontato nel libro Pelle di Spine, “si fanno per spostare le piante, per avere più piante o per raddrizzare le piante”. Spesso accade che le Echeveria invecchino male.

Allora c’è bisogno di fare un bel taglio netto.

Usa un coltello affilato o un cutter nuovo. Taglia la testa della Echeveria subito sotto le foglie.

Piantala in un terriccio leggero e ricco di pietra pomice o argilla espansa.

Il tronco della Echeveria avanzato, inizierà, dopo poche settimane a cacciare e a diventare di nuovo una pianta. Più bella e forte di prima.

 

Molto belle anche le crestazioni nelle Echeveria. “Le crestazioni sono delle eccezioni, la pianta crestata è una pianta sana, eccezionale. Una pianta che è bella perché nasce e cresce deforme, non è malata. È una mutazione spontanea, un’anomalia dell’apice vegetativo che invece di crescere conico o cilindrico, si appiattisce e quindi la pianta assume un aspetto di cresta o di ventaglio con tante curve, tanto che a volte assume l’aspetto cervelliforme, cervellotico come me; insomma la forma di un cervello”.

Echeveria apus crestata